“Arrival”, nuova data di uscita nel 2017

Cosa succederebbe se sapeste in che modo state per morire e quando morirete? Quale sarebbe il vostro rapporto con la vita, l’amore, la famiglia gli amici e la vostra società?

Arrival è un thriller di fantascienza provocatorio del celebre regista Denis Villeneuve (Sicario, Prisoners). Quando un misterioso oggetto proveniente dallo spazio atterra sul nostro pianeta, per le susseguenti investigazioni viene formata una squadra di élite, capitanata dall’esperta linguista Louise Banks (Amy Adams). Mentre l’umanità vacilla sull’orlo di una Guerra globale, Banks e il suo gruppo affronta una corsa contro il tempo in cerca di risposte – e per trovarle, farà una scelta che metterà a repentaglio la sua vita e, forse, anche quella del resto della razza umana.

articolo su www.weirdmovies.it“Sognavo di fare un film di fantascienza già dall’età di dieci anni – ha raccontato il regista Denis Villeneuve, che si è letteralmente innamorato del breve racconto sui cui si basa Arrival, ‘Story of Your Life’ di Ted Chiang – e credo che questo genere possieda il potenziale ed i mezzi per esplorare la nostra realtà in modo molto dinamico”.

“Dopo essere stato contattato per la prima volta da Dan Levine e Dan Cohen per la realizzazione del film – ha invece sottolineato Chiang – mi fecero arrivare un DVD del film di Denis, Incendies (2010), così che potessi farmi un’idea di quello che avevano in mente. Questo ha giocato un ruolo importante nella mia decisione di farmi coinvolgere nel progetto. Se mi avessero mandato una copia di un film di fantascienza convenzionale di Hollywood, probabilmente li avrei ignorati. Solo qualche anno dopo, Denis venne scritturato per dirigere il film ma era lui il regista che avevano in mente già dall’inizio”.

Villeneuve si è avvicinato ad Arrival in modo diverso per una certa serie di motivi. Sebbene pensasse che ‘Story of Your Life’ era un  “materiale fantastico”, semplicemente non aveva tempo per scrivere la sceneggiatura perché si trovava impegnato con le riprese di Prisoners (2013): “Non avevo tempo per scrivere una sceneggiatura e, ad essere onesti, non sapevo neanche affrontare quel racconto breve perché è molto intellettuale, in modo forte e bellissimo, ma da un punto di vista del dramma era un po’ difficile da articolare perché parla di processi particolari”.

Il regista ha così lasciato il lavoro ai produttori, compresi i produttori esecutivi ed allo sceneggiatore Eric Heisserer, che aveva già lavorato ad un adattamento del racconto breve sin dall’inizio del processo di produzione. “Si sono presentati di nuovo qualche mese dopo con una sceneggiatura scritta da Eric Heisserer che era sorprendentemente buona, dico sorprendentemente perché Eric era riuscito a romanzarlo e a creare un senso di tensione e dramma all’interno di quel processo di traduzione, e così ho accettato”.

Sebbene Villeneuve fosse stato da sempre la prima scelta dei produttori per la regia del film, l’avventura di Arrival iniziò quando Heisserer, il suo amico produttore Dan Levine e il produttore esecutivo Dan Cohen, entrambi della 21 Laps (colleghi del produttore Shawn Levy nella compagnia di produzione dietro al sensazionale successo per la TV di Stranger Things), erano alla ricerca di un progetto a cui collaborare. Levine e Cohen erano grandi ammiratori della scrittura di Heisserer, perciò i tre si sono incontrati per discutere di alcuni progetti potenziali. Dopo due ore di discussione non erano ancora giunti a capo di nulla. Quando Levine chiese ad Heisserer che cosa lo avesse emozionato di recente, Heisserer suggerì la collezione di racconti brevi di Chiang, ‘Stories of Your Life and Others’ (2002, Tor Books).

articolo su www.weirdmovies.it“Ho preso il libro e leggendo mi sono imbattuto in ‘Story of Your Life’, rimanendo a bocca aperta man mano che ne seguivo la trama – ha spiegato Levine – non riuscivo a credere quanto fosse bella la storia. Un pensiero si ripeteva nella mia testa ‘questa è la cosa più strabiliante che abbia mai letto…spero che i suoi diritti siano ancora disponibili’. L’ho letto avidamente e poi ho dato la caccia a Ted Chiang”.

Chiang ha spiegato che lui ed Eric non parlavano “della sceneggiatura mentre veniva scritta. Mi ha gettato in anticipo l’esca con la sua idea della sceneggiatura, così che io potessi concedere il permesso di realizzarla. Devo confessare che quando ho scritto la storia, non l’ho fatto con la previsione di poterla trasformare in un soggetto cinematografico e ho avuto difficoltà ad immaginare come sarebbe stato un suo adattamento per il cinema. Quando ho ascoltato l’idea di Eric, sono riuscito a visualizzare il film che aveva in mente e mi è piaciuto, quindi gli ho dato il permesso di andare Avanti con la sceneggiatura del film. Una volta terminata, l’ho letta e ho aggiunto alcuni commenti. Nel corso degli anni la sceneggiatura ha subito alcune variazioni, ma perlopiù è rimasta come Eric l’aveva ideata in origine”.

Villeneuve ha spiegato che ciò che ama del racconto è il fatto che “contiene diverse sfaccettature. Quella che mi ha toccato di più è il contatto con la morte di qualcuno. Cosa succederebbe se sapeste in che modo state per morire e quando morirete? Quale sarebbe il vostro rapporto con la vita, l’amore, la famiglia gli amici e la vostra società? Essere maggiormente in relazione con la morte, in modo intimo con la natura della vita e le sue   sfumature, ci farebbe diventare più umili. L’umanità adesso ha bisogno di questa umiltà. Ci troviamo in una era in cui regna il narcisismo. Siamo ad un punto in cui siamo pericolosamente scollegati alla natura. Questo è ciò che il racconto breve ha significato per me – un modo per tornare ad avere un rapporto con la morte, la natura e il mistero della vita”.

L’uscita del film nelle sale è prevista per il 12 gennaio 2017, distribuito da Warner Bros. Pictures.

(638)

Lascia un commento

weirdmovies.it utilizza i cookies. Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni. Per accettare l'utilizzo dei cookies clicca sul pulsante qui accanto: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi