‘Horns’, intervista ad Alexandre Aja

Alexandre Aja è oggi uno dei filmmaker più talentuosi e interessanti nel panorama horror mondiale. Dopo essersi fatto notare nel 2007 con l’eccezionale Alta tensione, è volato oltreoceano alla volta di Hollywood e ha concentrato sforzi ed energie principalmente su remake di film classici, come Le colline hanno gli occhi, Mirrors, Piranha.

Nel corso degli anni ha costruito una carriera non solo come regista, ma anche come sceneggiatore e produttore di film quali -2 Livello del terrore e Maniac, entrambi diretti dall’amico Franck Khalfoun, e The Pyramid, di prossima uscita, diretto dal fido co-sceneggiatore Gregory Levasseur.

Nel 2012 ha preso il timone di Horns, basato sull’omonimo bestseller scritto da Joe Hill, figlio di Stephen King: Ig Perrish (Daniel Radcliffe) è il sospettato numero uno per lo stupro e l’omicidio della sua ragazza Merrin (Juno Temple). Dopo una notte di bagordi, si sveglia con i postumi di una tremenda sbronza e un forte mal di testa: sulla sua fronte, infatti, sono spuntate due corna. In un primo momento è convinto sia tutto frutto di una sua allucinazione, ma con il passare del tempo si accorge non solo che le corna sono fin troppo reali ma che lo rendono capace di percepire i pensieri di coloro che gli stanno intorno, manipolare la loro mente e spingerli a rivelare i segreti e gli impulsi più inconfessabili e malvagi. Con l’aiuto di queste corna metterà in atto la sua terribile vendetta nei confronti di chi ha violentato e ucciso la sua ragazza. È tempo che il diavolo riscuota ciò che gli spetta…

Horns è il tuo primo film come regista basato su un bestseller. Che tipo di esperienza è stata?

Ho realizzato un altro film tratto da un libro (Jaroslav di Claude Klotz), ma come sceneggiatore per il regista Alexandre Arcady. Anche il mio primo film da regista, Furia, è tratto da un racconto classico (Graffiti di Julio Cortazar), ma Horns è il primo film basato su un vero best-seller. È stata un’esperienza impegnativa e stimolante. Impegnativa perché Horns è un romanzo di grande successo negli Stati Uniti e nel mondo, con un plot complicato, un mix di generi e toni diversi, stimolante perché amo la storia, così come molte altre persone, che hanno avuto lo stesso tipo di emozioni e reazioni che ho avuto io quando l’ho letto per la prima volta…

Acquista la rivista per continuare a leggere

(46)

Lascia un commento

weirdmovies.it utilizza i cookies. Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni. Per accettare l'utilizzo dei cookies clicca sul pulsante qui accanto: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi